videoresearch

The use of video in community work and in community research.

This paper reviews a number of video productions that I have personally realised over the past few years, especially in the field of public policies, as well as the lessons I have learned from each and any of these productions, which are going to be the subject of a future work of mine. The paper ends with a brief introduction of a set of desired features a video production for community work and research is required to have, at least based on my experience in the field.

  1. The original idea

The original idea directly stemmed from the design support activity carried out by a group of researchers from the Department of Development and Social Cohesion Policies of the Ministry of Economy. Starting from 2003 and for almost three years, the researchers worked in a depressed and heavily depopulated mountainous area of the Molise Region, in the south of Italy, at a video that was originally supposed to be a collective story about the territory and its inhabitants’ hopes and aspirations, on their difficulties in meeting with politics, and on the importance of holding together. In fact, the video was thought for an audience of decision makers. Nevertheless, it became clear in the making that the video could also represent a useful way of ‘making community’, giving voice to those who usually are excluded from the local decision making process and who proposed an ‘alternative story’ on the very same territory, through their daily occupations and their economic and social activities, drawing in this way new boundaries and priorities.

Hence, the main audience was no longer local politicians, but local citizens. Despite not being used to think of themselves in terms of a community, they started to suddenly identify themselves as a community, through the video, in terms of needs and aspirations. We understood that the video represented a useful tool, able to transform individual projects into a collective project for the entire area. The video presentation was also part of the community action: the abandoned cinema theatre of the main village was reopened for the occasion and all citizens were invited. Moreover, the video was presented as an educational tool to a number of Italian universities, in public policy and local economics courses, as well as in workshops on evaluation systems.

  1. The video as an instrument to generate a community

In the following years, I continued to test the use of the video as a research instrument, and as a support for the generation of new communities, no longer bounded to a geographical territory, but defined by a sectorial and professional milieu.

This was the case of the work on the city of Pescara, in the Abruzzi Region, where a group of vocational training companies, participating to a project of the EQUAL programme, after thoroughly analysing the territory, identified an economic opportunity for the youth in the possible development of a music sector, and this in conditions of high local unemployment rates. In fact, in presence of a large number of local hard rock bands (approximately 70) there was a relatively small local market working through a number of clubs and recording studios, as well as a local radio. In this case, the video intervened by collecting guitar players’ biographies: getting to know of people with similar experiences, the musicians started to develop the desire of creating a community.

A similar operation was promoted in the Basilicata Region. The regional Council wanted to use European funds for the development of two ‘houses of creativity’, i.e. multifunctional centres at the service of local creative persons. Following a first phase of data collection and mapping of creative individuals, they have been involved in the discussions on the development and content (also physical) of the centres. As the subjects were not used to dialog with each others, an acquaintance phase was necessary, and they eventually built a shared point of view that, in development policies, represents an essential element for capacity building and priority setting. I have been asked to film, documenting biographies, choices, needs and desires of such subjects, and then edit them in a single, recognisable ’space’.

Also  the distribution choice was inspired to the ‘team building’ principle and the two videos, both short to maximise their use and enjoyment, were distributed on YouTube, where they are still visible. This allowed for an immediate feedback with the use of web tools to verify the diffusion through the view count, and trigger discussions in the newborn community.

The same principle was used for a video on the ‘energy manager’ profession. The video was commissioned by the Ministry for the Environment and by a national professional organisation with the aim of strengthening the professional community.

3.  The video as an instrument of research

Other videos, realised in the last years, are closer to research and evaluation, and have a more marked educational nature. This is the case of the two videos ‘The necessity of meeting. Italian companies and migrant workers’ and ‘Personal services in the rural areas of the Calabria Region’ which continue and complete other evaluation studies, also including quantitative aspects, absent in the videos.

In the first work (‘The necessity of meeting. Italian companies and migrant workers’), commissioned by the Italian Institute for the Development of Vocational Training for Workers (ISFOL), a public research body operating in collaboration with the Ministry of Labour, the choice of using a video to spread research results was experimental and was determined by communication and educational purposes. Moreover, in the video, I confronted myself with the difficulty of disseminating research, that is spreading the empirical results it produces. I considered this difficulty to be due, at least partly, to the sluggish entry in the information market, as compared to the news coming from other areas of less scientific nature. The attempt is not that of transforming research into an ‘information product’ that is more viable in the market, as this would inevitably trivialise its content and open the way to misinterpretations; the objective is rather that of testing a communication language that remains scientific but is still able to compete with other languages (such as the journalistic language) in its impact on policy decision making. This video aimed at a more immediate and effective communication impact, still preserving some of the distinctive features of research, such as precision and measurement. Because of these, the video is not intended for the general public, but more for an audience of sector experts. The video also contains a communication proposal that is not thought as a simple promotion of activities and services, but is able to build, once again, a ‘community’ around the identification of problems and the sharing of opinions.

As in the rest of my works, the video mainly consists of interviews, in this case to entrepreneurs, workers and selected witnesses. In order to maximise the video understanding, the questions posed are simplified, are not more than ten, are the same for both workers and entrepreneurs, with the exception of some types of persons interviewed: in the editing phase, they have been assembled without disregarding the specific contribution of each interviewed person. Questions concerned the personal and entrepreneurial experience, the reasons determining the meeting with the other subjects, unresolved problems and offered opportunities.

Interviews were carried out in the cities of Padua, Bergamo, Rome, and Salerno, as well as in their immediate vicinity.

As already tested in previous film-research experiences, a system of ‘matrix’ interviews is proposed. To make it easy, the ‘matrix’ consists of a grid of questions and interlocutors presented in the form of ‘the question is answered by’, as alternative to a vertical organisation of interviews, per interviewed person. The effect is faster and allows for an immediate comparison of people’s opinions. The work is divided into brief chapters, corresponding to the issues emerging from the empirical evidence that the research group considered as the most interesting for the described purposes. Context images are especially used for illustration purposes and to make the product more enjoyable.

The movie is divided into chapters which were structured during the editing phase and lasts about 20 minutes. Following a brief introduction, giving an idea of the extent of foreign workers’ presence in the Italian productive system, individual and company stories are covered in rapid sequence, together with the reasons for the meeting between companies and foreign workers (Chapter 1: for necessity and for choice); the paths, circumstances and instruments which made this meeting possible (Chapter 2: searching and matching); and lastly, the difficulties shared by workers and companies and the opportunity given by the employment relation (Chapter 3: the dynamics of the meeting).

By giving voice to a number of entrepreneurs and workers, actual and important issues are critically tackled, and a collective story about the difficulties – often encountered in the relation with the Public Administration -, the hopes and the aspirations of all these citizens is promoted. Holding together and sharing goals and strategies emerge as a necessity.The movie is divided into chapters which are structured during the editing phase and lastsabout 20 minutes.

Similarly, the video ‘Territorial inequalities in the supply of public services: a comparison between urban areas and rural areas in the Calabria Region’ accompanied an evaluation study on territorial inequalities in the supply of a number of services to citizens in different areas of the Calabria Region, focusing on the closer rural areas, jointly carried out by OECD, the Public Investment Evaluation Unit of the Italian Treasury, and the Cosenza-based University ‘delle Calabrie’. The work comprised of a desk analysis part, with the building of a set of supply indicators and measurements for the accessibility of base welfare services (such as school, nursery school, health and social services, child care services), and of a field work, with interviews to local agents carried out by means of two main techniques: interviews with privileged interlocutors, and the organisation of a number of Focus Groups on the territory.
The study was based on a substantial listening to territorial agents and 11 Focus Groups were carried out in the main rural areas of Calabria, with the involvement of a number of subjects particularly active at the local level, such as physicians, priests, teachers, social workers and volunteers. In a second phase, also actors with recognised institutional functions were listened to, such as local administrators and, especially, mayors.

This operation was entirely filmed on camera. The end product, more than in the other cases, represents a continuation of the study on Calabria’s social services, sharing content and purposes with it. The work develops the research segment dedicated to the direct observation and to the citizens Focus Groups carried out between summer and autumn 2007. It also represented an opportunity to verify the distortions that the camera can produce on interviewed people and researchers.
In this case, the video is a communication product targeted to two types of audience: one local/territorial, which we defined as ‘horizontal target’, and one institutional, the ‘vertical target’. Two distinct versions have been produced: a series at the local level with the involved ‘actors’, and one at the regional level. In both versions, the discussions and the reactions triggered by the screening of the film have been recorded.

In line with the specific objectives of the Calabria Evaluation Study, the research video pursued four specific objectives:

  • Contributing to strengthening people’s capacity to create an organised demand for public services. One of the elements that most surprised the involved researchers was the weak demand for public services and the citizens’ incapability of organising their requests of somehow primary services, both due to the lack of specific competences and to the fragmentation of territorial needs. In this sense, the video is thought to favour the formation of a new, less fragmented, local community that is more aware of its limitations and opportunities, able to better interact with decision centres, as an instrument of capacity building.
  • Providing regional and national structures with verifiable information for policy fine-tuning. This means proposing a collective consideration to an audience of administrators, qualified observers, evaluators and decision makers on the 3-4 most relevant issues emerged from the activity of ‘territorial listening’ and from the Focus Groups, as well as in the survey as a whole. The goal is to identify and promote a discussion on emergent issues (ranging from family services to elderly care and services to differently able citizens), giving them an increased visibility and freeing them from the traditional conclusions of the debate. At the beginning of the new implementation phase of regional programming documents, such issues represent focal points for the efficient reorganisation of interventions.
  • Testing a ‘transparent’ public communication product, through the use of a methodology of information gathering, of an analysis technique, and especially of the communication of objectives to be pursued that, in the case of the public operator, coincides with the production of new public spaces (material as well as  immaterial, goods and services). Highlighting the difficulties of the public action, the goal is to credibly communicate also the success stories, something that seems quite hard for the Public Administration as of today.
  • Lastly, breaking the vicious circle of segmentation and fragmentation of information, ‘defragmenting the picture’, and favouring the discussion so as to clearly identify real alternatives and set the choices towards feasible objectives, in terms of material and human resources.

Finally, I realised a number of videos with a more marked educational function, such as the ten short videos ‘Words of labour’, produced by Officina Emilia, a museum-laboratory promoted by the University of Modena, on the mechanic’s district in the city of Modena, which is not only producing renowned luxury cars such as Ferrari, Lamborghini, and Maserati, but also comprises of an industrial tissue of almost 50,000 small local handicraft companies. In the ten videos the camera enters local companies with the goal of promoting mechanical work, in its most creative and handcrafted dimensions, among the youth, focusing on competences where the ‘general intellect’ and local immaterial resources play a central role.

4.   New projects. The video on urban practices for new community generation and the project ‘videoresearch’.

At the moment, I am involved in the development of a new project on bottom-up neighbourhood practices diffused in all European metropolises (in particular the large global cities); the current phase of research and partners search focuses on Rome, Vienna and Prague. The study concerns redevelopment projects aiming at the integration of new citizens (foreigners and local) in the neighbourhoods, and to the knowledge and shared memory-building of places, with the belief that Europe is either multi-ethnic or is not. These are small initiatives hoping to reconstruct, in the most shared way possible, the human stories of those like the Jews in Vienna, the railway workers in Rome, or the Roma people in Prague, who were expelled from those streets, leaving an empty space.

Moreover, I am building a network, through a discussion forum web-site on videoresearch, aiming at defining a manifesto, a ‘Decalogue’ specifying technical and theoretical features of videoresearch products, so as to distinguish them from closer ‘competitors’, such as the journalistic report and the documentary in the strict sense.

Through the web-site it will be possible to see videos, among which those aforementioned.

The following ‘Decalogue of videoresearch’ gathers the results from my experience so far and represents a base for discussion on which we are reasoning with researchers from all over Europe, especially from UK, Italy, Spain, and France.

The following features cannot be renounced in videoresearch:

  1. Accurate documentation, the choice of themes and subjects comes from empirical evidence.
  2. Neutrality, the product is always experimental and the outcome is never pre-determined, absent any screenplay. Only the grid of issues and interested subjects is established.
  3. Transparency, goals are always explicit both in the making and in the distribution phases of the product.
  4. Participation and sharing of objectives with the ‘actors’ (e.g. there are no secret cameras).
  5. Scientific method (reorganising the material with the scientific method, clearly expliciting the chapters).
  6. Sobriety – essentiality.
  7. Realism.
  8. Non-authoriality (also the editing phase is partially participative).
  9. Fruition (the product needs to be fully enjoyable for length and comprehension).
  10. Social use.

Moreover, there is a set of technical and stylistic rules defining the videoresearch product:

  • Filming needs to be life. No set designs.
  • No to ‘ambient’. The sound is never produced separately from images or the other way around.
  • The camera is preferably used on a shoulder support, so as to be less invasive.
  • Preference for long sequence shots.
  • The movie needs to be a colour movie.
  • The work on perspectives and film is forbidden.
  • Time and geographical alienation is forbidden.
  • Interview editing is made without hiding cuts, at the most it makes them smoother, in case the visual and audio effects are excessively affected by them.
  • …..

The use of video in community work and in community research.

Nel presente intervento passerò in rassegna alcune delle realizzazioni video che ho portato a termini nel corso degli ultimi anni, soprattutto in un’ottica di politiche pubbliche; le lezioni che ho appreso da ciascuna di esse, e che conto di riversare in un lavoro che intendo realizzare nel prossimo futuro, infine accennerò brevemente alle caratteristiche che, in base alla mia esperienza, deve avere un prodotto video pensato per il lavoro di comunità e per la ricerca.

  1. L’idea originaria

L’idea originaria proviene direttamente da alcune azioni di sostegno alla progettazione locale sperimentate da un gruppo di ricercatori del  Dipartimento Politiche di Sviluppo e di Coesione sociale che per oltre due anni, a partire dal 2003, hanno lavorato in un’area depressa del Molise, regione del sud del paese, un’area di media montagna segnata da un profondo spopolamento. Il video, originariamente, voleva essere un racconto collettivo del territorio e delle speranze e aspirazioni dei cittadini, delle difficoltà che spesso essi hanno nell’incontrare la politica e sull’importanza di stare insieme. Era, in effetti pensato per un pubblico composto prevalentemente di decision makers.

Nel corso della sua realizzazione, però, è apparso chiaro come poteva divenire anche un utile oggetto per “fare comunità”, dando voce a quei soggetti che rimangono fuori dalle sedi decisionali locali e che con il loro agire quotidiano, economico e sociale, proponevano un diverso “racconto “ di quello stesso territorio, che ne ridefiniva i confini e le priorità. Il primo pubblico, quindi, non erano più i politici locali ma gli stessi abitanti del territorio, non abituati a pensarsi come comunità, ma che improvvisamente attraverso il video, si vedevano e si riconoscevano come tale in quanto a bisogni e aspirazioni. Capimmo che il video era uno strumento utile a trasformare i progetti individuali di questi soggetti che nonostante le difficoltà decidono di continuare a vivere e ad operare in quest’area in un progetto collettivo, per l’intera area. La stessa presentazione del video fu parte dell’azione di comunità. Fu aperto per l’occasione il cinema del paese più importante, chiuso e in abbandono, e furono invitati tutti i cittadini. Inoltre il video è stato presentato come strumento didattico presso varie università italiane, in corsi di politiche pubbliche, di economie locali e in incontri di studio sui sistemi di valutazione.

  1. il video come strumento per  generare comunità

Negli anni successivi, ho continuato a sperimentare l’uso del video tanto come strumento di ricerca, quanto per il supporto alle nascite di nuove comunità, non più legate solo ad un territorio geografico, ma a un “milieu” settoriale o professionale.

È il caso del lavoro su la città di Pescara in Abruzzo. Lì, attraverso un progetto Equal un gruppo di imprese di formazione, dopo attenta analisi del territorio, aveva individuato nella possibile sviluppo di una filiera musicale una opportunità economica per i giovani di una città con alti tassi di disoccupazione. Infatti, a fronte di un numero notevole (70 circa) gruppi hard rock locali, esisteva un mercato locale, una movida , che faceva leva su una serie di locali e alcune sale di registrazione , nonché su una radio locale. Il video in quel caso è intervenutoi raccogliendo le biografie dei soggetti che da chitarristi, si sono trovati immersi in una filiera, di gente con biografie in qualche maniera simili e che hanno rafforzato il desiderio di fare sistema.

Operazione analoga, è quella promossa dalla regione Basilicata. La regione era interessata a utilizzare fondi europei per edificare due case della creatività, in partica spazi e servizi polivalenti da mettere a dsisposizione dei creativi locali per favorirne la crescita. Dopo una fase di ricerca e mappatura dei soggetti, questi sono stati coinvolti per discutere dei contenuti, anche fisici, di questi nuovi spazi pubblici. Essendo soggetti che normalmente non dialogano fra loro, è stata necessaria una fase di conoscenza fra loro e di costruzione di quel un punto di vista condiviso che, per chi si occupa di politiche di sviluppo, è un elemento indispensabile per rafforzare la capacità di scelta (capacity building) e stabilire le priorità. Sono stato chiamato quindi a filmare, raccogliendo biografie, scelte, bisogni e desideri di tutti e a rimontarle in uno “spazio” unico, riconoscibile.

Anche la scelta distributiva ha seguito il principio ispirato dal “team building” e i due video, di breve durata per favorirne al massimo la fruizione, sono stati distribuiti e sono tutt’ora visibili su youtube. In questa maniera è stato possibile avere un feedback immediato, attraverso gli strumenti web che ci permettono di verificare la diffusione, contando i contatti,  e  animare la discussione e la neonata comunità.

Infine con lo stesso principio è stato realizzato un video sulla figura professionale degli energy manager, commissionato dal ministero dell’ambiente e dalla Federazione nazionale di categoria, funzionale al rafforzamento della comunità professionale.

3.  Il video come strumento di ricerca

Altri  video realizzati in questi ultimi anni si collocano invece in una dimensione più vicina alla ricerca e valutazione, e con funzioni più specificamente didattiche, e nel caso dei video “La necessità dell’incontro. Imprese italiane e lavoratori migranti” e  “I Servizi alla persona nelle aree rurali della Calabria”si pongono in continuità con altre ricerche ricerca valutative che prevedono anche parti quantitative che sono assenti nei video.

Nel video “La necessità dell’incontro. Imprese italiane e lavoratori migranti”, commissionato dall’ISFOL, struttura di ricerca a supporto del Ministero del lavoro, la decisione di utilizzare lo strumento visuale per veicolare i contenuti della ricerca era sperimentale e rispondeva ad un intento comunicativo e”didattico”. Inoltre, in questo video mi confrontavo con le difficoltà di comunicare la ricerca, ossia di veicolare le informazioni empiriche che essa produce, che considero dovuta almeno in parte alla lentezza con la quale si inserisce nel  mercato delle “informazioni” provenienti da altri ambiti e che rispondono ad interessi meno scientifici. Il tentativo perciò non è quello di trasformare la ricerca in  “prodotti informativi” maggiormente vendibili, che inevitabilmente ne banalizzano il contenuto e si prestano a fraintendimenti, ma quello di sperimentare un linguaggio comunicativo – scientifico in grado di concorrere, al pare di altri linguaggi (il giornalistico in primis) ad influenzare l’agire del decisore politico. Questo video , cercando di mantenere la precisione, la misura e la problematicità proprie dell’ambito della ricerca, in virtù delle caratteristiche proprie del medium visuale puntava ad un effetto mediatico e comunicativo più rapido ed immediato.

Il video non presenta le caratteristiche di un prodotto destinato ad un pubblico generico, ma un oggetto problematico in grado di comunicare con un pubblico composto prevalentemente da addetti ai lavori. Contiene anche al suo interno una proposta di comunicazione intesa non come semplice promozione di attività o servizi, ma in grado, anche in questo caso, di costruire “comunità” intorno alla individuazione dei problemi e alla condivisione dei punti di vista.

Il video, come del resto tutti i miei lavori,  è costituto prevalentemente da interviste, in questo caso ad imprenditori, lavoratori e testimoni privilegiati.

Proprio per rendere il video intelligibile al massimo,  le domande sono estremamente semplificate, in numero limitato non superano le 10, uguali per tutti, imprenditori e lavoratori, e alcune specifiche per tipologia di intervistato: in fase di montaggio, sono state poi assemblate senza trascurare il contributo specifico che ogni singolo intervistato è stato in grado di apportare. le domande hanno riguardato la storia personale o imprenditoriale, i motivi che hanno favorito l’incontro fra i soggetti, i problemi aperti e le opportunità offerte.

Le interviste sono state svolte nelle città di Padova, Bergamo, Roma e Salerno, o nelle immediate vicinanze.

Come già sperimentato in precedenti esperienze di film-ricerca, viene proposto un sistema di interviste “a matrice”: semplificando, si tratta di costruire una griglia di domande e di interlocutori, che viene presentata con la modalità “a domanda risponde”, piuttosto che utilizzare una presentazione verticale delle interviste, ossia per intervistato. L’effetto è più rapido, permette di mettere a confronto con immediatezza i punti di vista degli interlocutori. Il lavoro è diviso in brevi capitoli corrispondenti ai temi che emergono dall’evidenza empirica e che il gruppo di ricerca ha ritenuto, per i fini sopra descritti, più interessanti. Le immagini “di contesto” sono utilizzate soprattutto per illustrare e rendere più fruibile il prodotto.

Il film si articola in capitoli, la cui struttura è costruita nella fase di montaggio, e dura circa 20 minuti. Dopo una breve introduzione del tema, che dà la misura della presenza dei lavoratori stranieri nel sistema produttivo italiano, vengono affrontati in rapida sequenza i percorsi individuali e d’impresa, i motivi dell’incontro fra impresa e lavoratori stranieri (Capitolo I: Per necessità e per scelta), i percorsi, le circostanze gli strumenti che hanno favorito questo incontro (Capitolo II: Cercarsi, trovarsi) infine le difficoltà comuni ad imprese e lavoratori e le opportunità legate al vivere e lavorare insieme (capitolo III: Le dinamiche dell’incontro).

Attraverso la voce di una pluralità di imprenditori e lavoratori, vengono affrontati criticamente alcuni temi considerati urgenti e di attualità sul tema in esame, promuovendone un racconto collettivo delle difficoltà, delle speranze e aspirazioni di tutti questi cittadini, delle difficoltà che spesso essi hanno nell’incontrare l’Amministrazione pubblica e, infine, sulla necessità di stare insieme e condividere obiettivi e percorsi comuni.

Analogamente, il video “Disuguaglianze territoriali nell’offerta di una serie di servizi ai cittadini: un confronto aree urbane – aree rurali in Calabria” si affiancava ad una ricerca valutativa sulle disuguaglianze territoriali nell’offerta di una serie di servizi ai cittadini nei diversi territori della Calabria, con una particolare attenzione alle aree rurali più limitrofe, a cura dell’OCSE, dell’Unita di Valutazione degli investimenti pubblici del minisetero del tesoro e dell’univerista delle Calabrie di Cosenza. Il lavoro consiste in una parte di analisi desk, con la costruzione di una serie di indicatori di offerta e accessibilità di servizi di base (scuole, asili nido, servizi socio-sanitari, servizi di cura dell’infanzia) e in una parte di lavoro sul campo, attraverso lo svolgimento di un’attività di ascolto del territorio, che è avvenuta attraverso due tecniche principali: intervista a interlocutori privilegiati e organizzazione di una serie di Focus Group sul territorio.

La ricerca si è basata su un consistente processo di ascolto del territorio, e si sono svolti 11 Focus Group nelle principali aree rurali della Calabria dove sono stati ascoltati una serie di soggetti particolarmente attivi a livello locale: medici, sacerdoti, insegnanti, operatori sociali e volontari. In un secondo tempo sono stati ascoltati anche attori con ruoli istituzionali riconosciuti, quali amministratori locali e soprattutto sindaci.

L’operazione di ascolto del territorio è stata seguita integralmente con la videocamera. Il prodotto finito, più che negli altri casi, costituisce un prodotto in continuità con l’indagine sui servizi sociali della Calabria, ad essa legato per contenuti e finalità. Sviluppa e racconta il segmento di ricerca dedicato all’osservazione diretta e ai focus groups con i cittadini delle aree oggetto dell’indagine svolti fra l’estate e l’autunno 2007.  Ha rappresentato l’occasione di verificare e le distorsioni che può produrre l’uso della videocamera sugli intervistati, e sugli osservatori del gruppo di ricerca.

In questo caso, il video è un prodotto di comunicazione che mira a due tipologie di pubblico, uno locale/territoriale, che potremmo definire “target orizzontale”, ed uno all’interno della filiera istituzionale, per così dire “target verticale”. Ne sono state organizzate quindi due distinte visioni, una serie a livello locale, invitando in primis gli “attori” coinvolti, e una a livello regionale. In tutti e due i casi sono state registrate, successivamente, dibattiti e le reazioni seguite alla visione del film.

In linea con gli Obiettivi specifici della Ricerca Valutativa Calabria, il film di ricerca perseguivai tre obiettivi specifici:

  • Contribuire al rafforzamento della capacità dei soggetti di costruire una domanda di servizi organizzata. Uno degli elementi che più ha colpito i ricercatori del team di ricerca è stata la debolezza della domanda di servizi, l’incapacità dei cittadini di far valere in maniera organizzata le istanze di bisogni altrove considerati primari, tanto per mancanza di competenze specifiche che per la frammentazione dei territori e dei bisogni stessi.  Il video è quindi in questo caso pensato per favorire il formarsi di una nuova comunità locale, meno frammentata, più consapevole dei propri limiti e opportunità, in grado di interagire meglio con le sedi decisionali come strumento di capacity building.
  • Fornire alle strutture regionali e nazionali un insieme di informazioni verificabili utili  alla messa a punto delle policies. Si tratta di proporre alla riflessione collettiva di un pubblico composto prevalentemente di amministratori, osservatori qualificati, valutatori e decisori i tre/quattro temi più rilevanti che sono emersi dalle attività di “ascolto del territorio” e dai focus groups che hanno impegnato il team di ricerca impegnato in Calabria, oltre che dall’insieme degli elementi risultanti dall’indagine nel suo complesso. L’intento è quello di individuare e promuovere la discussione sui temi emergenti, dai servizi alla famiglia a quelli per gli anziani e per i cittadini disabili, dandogli nuova visibilità e svincolandoli dalle polarità tradizionali del dibattito, e che, e all’inizio della nuova fase di implementazione dei documenti regionali di programmazione, si pongono come i temi intorno ai quali riorganizzare gli interventi al fine di renderli più efficaci.
  • Sperimentare un prodotto di comunicazione pubblica “trasparente”,  attraverso l’esplicitazione di una metodologia di raccolta di informazioni, di un metodo di analisi  e soprattutto la comunicazione degli obiettivi che si intendono perseguire, che nel caso dell’operatore pubblico coincidono con la  produzione di nuovi spazi pubblici (materiali, immateriali, beni, servizi). Mettendo in luce le difficoltà del dispiegarsi dell’azione pubblica, si punta a comunicare in maniera credibile anche i propri successi, cosa che al momento sembra molto difficile per l’amministrazione pubblica.
  • Si tratta, infine, di rompere il cerchio della segmentazione e parcellizzazione delle informazioni, “deframmentare un quadro”, porlo in una condizione di confronto, per fare emergere chiaramente le alternative, reali, e orientare le scelte verso obiettivi alla “portata” delle risorse a disposizione, materiali, umane.

Infine ho realizzato  una serie di video con funzioni più puramente didattiche, è il caso, e concludo, dei 10 brevi video “Parole di lavoro”, prodotte da Officina Emilia, un museo laboratorio promosso dall’Università di Modena, sul distretto della meccanica modenese, che produce come tutti sanno macchine di lusso, la ferrari, la lamborghini, la maserati, ma che si fonda su un tessuto di quasi 50.000 piccole imprese artigiane locali. Si tratta di dieci affondi all’interno delle imprese locali,  Lo scopo ultimo è quello di riavvicinare i giovani al lavoro meccanico, nella sua dimensione più creativa e artigianale, in un’ottica di competenze nelle quali il “General Intellect”, le risorse immateriali locali,  giocano un ruolo centrale.

4.   I nuovi progetti. Il video sulle pratiche urbane di generazione di nuove comunità e il progetto videoresearch

Sono impegnato al momento nello sviluppo di un nuovo progetto sulle pratiche di vicinato bottom-up diffuse in tutta le metropoli (in particolare le grandi città globali) europee, la fase di ricerca e di ricerca di partners al momento riguardano solo Roma, Vienna e Praga. Si tratta di progetti di recupero che puntano l’integrazione dei nuovi cittadini dei quartieri (stranieri e non) e alla conoscenza e alla costruzione di memorie condivise dei luoghi, nella convinzione che l’Europa è multietnica, o non è. Parliamo di piccole iniziative volte a ricostruire in maniera più partecipata possibile, la storia umana di coloro che, come gli ebrei a Vienna, o degli operai delle ferrovie a Roma, o dei Rom a Praga sono stati espulsi da quelle stesse strade, lasciando uno spazio vuoto.

Inoltre sto mettendo in piedi una rete, con un sito di discussione sulla videoricerca, e per definire un manifesto, un decalogo, che precisi le caratteristiche tecniche e teoriche dei prodotti di videoricerca, distinguendo più chiaramente dai suoi più vicini “concorrenti”, il reportage giornalistico e il documentario propriamente detto.

Nel sito sarà possibile visionare video, tra cui i prodotti di cui ho parlato oggi.

Il decalogo della videoricerca, che segue e che rappresenta un  po’ le conclusioni dell’esperienza da me fatta fino ad adesso, rappresenta una base di discussione, sulla quale stiamo ragionando con ricercatori di tutta Europa, soprattutto inglesi, italiani, spagnoli, francesi.

Queste sono le caratteristiche irrinunciabili del video di ricerca:

  1. documentazione accurata, la scelta dei temi e dei soggetti nasce dall’ evidenza empirica.
  2. neutralità, il prodotto è sempre sperimentale, l’esito non è mai prederminato, non  esiste  sceneggiatura. Viene solo stabilita la griglia dei temi ed i soggetti interessati.
  3. trasparenza (i motivi sono sempre esplicitati, tanto durante la realizzazione che la distribuzione)
  4. partecipazione e condivisione degli obiettivi con gli “attori” (ad esempio, non esistono telecamere segrete)
  5. scientificità (riorganizzazione del materiale in maniera scientifica, ossia chiaramente esplicitata, i capitoli)
  6. sobrietà – asciuttezza essenziale
  7. realismo
  8. non autorialità (anche la fase di montaggio è parzialmente partecipativa)
  9. fruizione (il prodotto deve essere estremamente fruibile, per lunghezza e comprensione)
  10. uso sociale

Inoltre, ci sono anche una serie di regole tecniche e stilistiche che definiscono il prodotto di videoricerca:

  • le riprese devono essere fatte dal vero. Non esistono scenografie ne set.
  • No all’ambient . il suono non è mai prodotto separatamente dalle immagini e viceversa
  • la cinepresa è preferibilmente a spalla, poco invasiva.
  • Preferenza per i piani sequenza lunghi
  • il film deve essere a colori
  • il lavoro sulle ottiche e film è vietato
  • l’alienazione temporale o geografica è vietata
  • il montaggio delle interviste è fatto non nascondendo i tagli, al massimo addolcendoli, se l’effetto visivo o sonoro ne risente eccessivamente.
  • …..

Filippo Tantillo

I commenti sono chiusi.